Nazionale Giovanile anni precedenti

2014

 

SELEZIONE PER LA NAZIONALE GIOVANILE LEAD - Torino 11/5/2014

Domenica 11 maggio 2014, nell'ambito del Campionato Piemontese Lead, si svolgerà la seconda prova di selezione per la specialità lead, a cui dovranno partecipare tutti gli atleti che ambiscono a far parte della nazionale giovanile per la stagione 2014.
La selezione avverrà tenendo conto delle due prove di qualifica, nonché, per gli atleti che vi parteciperanno, della prova di finale.
Sulla base dei risultati di questa gara e della precedente Coppa Italia disputata a Milano, il DS sceglierà gli atleti (in linea di massima 5 per ogni categoria) che parteciperanno al raduno collegiale in programma sabato 17 e domenica 18 a Pero (MI) presso la Palestra Rock Spot.
Nei giorni immediatamente successivi al raduno, verranno diramate le convocazioni per la Coppa Europa di Imst e per il Campionato Europeo di Edimburgo. 

SETTIMANA DI RADUNI PER LE NAZIONALI BOULDER E SPEED - Bologna 3_4/5/2014
Il fine settimana scorso ha visto impegnati gli atleti della nazionale giovanile boulder in un raduno collegiale a Bologna, mentre gli atleti della speed si sono sfidati nella prima selezione per conquistare la maglia azzurra.
Le due nazionali sono state ospiti rispettivamente della palestra Up Urban Climbing gestita dalla ASD Four Climbers e dell'ormai mitico Palabraccini, gestito dal CAT Torino. Forse sarebbe più giusto fare i complimenti separatamente alle due società, ma ci fa ancora più piacere pensare che l'accoglienza ricevuta, veramente impeccabile, sia un segno del "piacere" per queste palestre di ospitare gli atleti della nazionale.
Due nomi per tutti, attraverso loro vogliamo ringraziare tutti coloro che hanno facilitato la nostra attività, magari rinunciando ad una giornata in falesia o addirittura ad una giornata al mare lontani per una volta da tacche e svasi: Valeria de Luca e Daniele Martina che abbiamo incontrato questa settimana sono i simboli di un'arrampicata che vuole cambiare, essere più sport e più professionale, prendendo solo il lato positivo di questa parola.
Un minimo di cronaca dai raduni: a Bologna nelle due giornate si sono confrontati 31 atleti, compresi due atleti senior aggregati a questo gruppo sia per completare il loro percorso di crescita, sia per supportare e sostenere i compagni di squadra più giovani. A Torino erano invece presenti 21 atleti, pronti a giocarsi un posto nella squadra azzurra per le prossime gare di Coppa Europa.
I risultati della selezione speed scaricabili qui
 
RADUNO NAZIONALE GIOVANILE SPEED IL 27 APRILE A TORINO - Torino 27/4/2014
La Federazione organizza nelle giornate del 27 aprile 2014 un raduno collegiale della nazionale giovanile speed valido come prova di selezione per i Campionati Europei di categoria  che si terranno a Edimburgo il 14-15/6.
Il ritrovo degli atleti è previsto per il 27/4 ore 11 presso il Palabraccini  di Torino  e si svilupperà in 2 sessioni di allenamento / gara  indicativamente dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 18 sotto la guida del DS Donato Lella.
Trattandosi della prima selezione per la nazionale speed 2014, sono invitati tutti coloro che aspirano a farne parte, indipendentemente dai risultati sinora ottenuti. Devono invece ritenersi automaticamente convocati tutti coloro che hanno già  gareggiato almeno in due occasioni nella nazionale giovanile speed, con l'obbligo di motivare e concordare preventivamente eventuali assenze. 
Da quest'anno si vuole inoltre cominciare ad introdurre un criterio di specializzazione soprattutto per le categorie U18 e U20: si invitano quindi coloro hanno già gareggiato nella nazionale speed, ma ritengano di voler dedicare la stagione alla lead o al boulder a contattare Franco Gianelli per valutare l'opportunità di partecipare al Raduno. 
 
RADUNO NAZIONALE GIOVANILE BOULDER: 25-26 APRILE A BOLOGNA - Bologna 25_26/4/2014

La Federazione organizza nelle giornate del 25-26 aprile prossimi a Bologna, un raduno collegiale della nazionale giovanile boulder, reso possibile dalla grande disponibilità della più recente società nata sul territorio bolognese (Four Climbers) che dimostra la sua passione per l'arrampicata giovanile e il suo identificarsi con la Federazione mettendoci a disposizione la palestra UP URBAN CLIMBING senza alcun costo.
In attesa del programma definitivo, il ritrovo degli atleti è previsto per venerdì mattina (festivo) alle 10:30 (con elasticità per chi viene da più lontano) e si svilupperà con una sessione di allenamento il venerdì pomeriggio e una sessione prolungata al sabato, giornata nella quale il raduno si concluderà verso le 17:00 (anche qui con elasticità in relazione al viaggio di ritorno). 
Il pernottamento è previsto in una struttura turistica di Bologna e il costo complessivo del raduno dovrebbe essere intorno ai 40 euro.
Ancora una volta le convocazioni sono molto ampie, ma si vuole cominciare ad introdurre un criterio di specializzazione soprattutto per le categorie U18 e U20: si invitano quindi eventuali convocati che ritengano di dedicare la stagione alla lead o alla speed a contattare Franco Gianelli per valutare l'opportunità di partecipare al Raduno.
Questi i convocati:
Giulia Alton, Camilla Bendazzoli, Elisa Calabrese, Enrico Capano, Damiano Capulli, Stefano Carnati, Teresa Cirelli, Annalisa De Marco, Andrea Ebner, Alice Gianelli, Martina Giorello, Sara Giuseppetti, Asja Gollo, Giulia Gollo, Marco Gozzi, Janluca Kostner, Lorenzo Malatesta, Matteo Manzoni, Francesca Medici, Riccardo Moretti, Matteo Mosconi, Alessandro Palma, Michael Piccolruaz, Riccardo Piazza, Antonio Prampolini, Filip Schenk, Emilio Silvaroli, Simone Tentori, Giorgia Tesio, Martina Zanetti
 
RADUNO NAZIONALE GIOVANILE BOULDER: 4-5 GENNAIO 2014 A TORINO - Torino 4_5/1/2014

La Federazione organizza nelle giornate del 4-5 gennaio prossimi a Torino, un raduno collegiale della nazionale giovanile boulder, reso possibile dalla grande disponibilità della società SASP Torino che dimostra ancora una volta la sua attenzione per il settore giovanile, mettendoci a disposizione ”gratuitamente” la sua palestra.
In attesa del programma definitivo, il ritrovo degli atleti è previsto per sabato mattina alle 11:00 (con elasticità per chi viene da più lontano) e si svilupperà con una sessione di allenamento il sabato pomeriggio e una sessione prolungata alla domenica per concludersi verso le 16:00 della domenica (anche qui con elasticità in relazione al viaggio di ritorno).
Le convocazioni sono molto ampie per cominciare a valutare anche la composizione della squadra azzurra per il 2014 e comprendono anche i nati nel 2000 che solo dal prossimo anno saranno in categoria U16.
Questi i convocati:
Giulia Alton, Camilla Bendazzoli, Pietro Biagini, Andrea Botto, Elisa Calabrese, Enrico Capano, Damiano Capulli, Lorenzo Carasio, Stefano Carnati, Erica Cencherle, Teresa Cirelli, Annalisa De Marco, Andrea Ebner, Alice Gianelli, Martina Giorello, Sara Giuseppetti, Asja Gollo, Giulia Gollo, Marco Gozzi, Janluca Kostner, Lorenzo Malatesta, Matteo Manzoni, Francesca Medici, Riccardo Moretti, Matteo Mosconi, Alessandro Palma, Michael Piccolruaz, Riccardo Piazza, Antonio Prampolini, Chiara Rogora, Filip Schenk, Matilde Segui, Emilio Silvaroli, Simone Tentori, Giorgia Tesio, Martina Zanetti
Il Raduno sarà condotto da Christian Core.
I tecnici che seguono abitualmente gli atleti saranno ammessi, ma non dovranno intervenire durante le fasi di allenamento, riservandosi eventuali interventi per una fase specifica prevista fra loro e gli allenatori della Nazionale.

 

 

 

Una struttura sempre più ampia


In considerazione dei numerosi impegni che le nazionali giovanili dovranno affrontare nella stagione ormai imminente e in quella 2015 che culminerà con il Mondiale Giovanile ad Arco, per la prima volta su tutte le specialità, si è ritenuto opportuno creare una struttura tecnica che supporti i nostri giovani atleti.
Oltre a Donato Lella, DS delle nazionali e a Franco Gianelli, delegato alla gestione federale delle nazionali giovanili, si sono creati i seguenti staff per ogni specialità:

LEAD
Tecnico: Donato Lella, 
Team Manager / Accompagnatore: Alessandro De Martini, 
Tecnico Aggiunto: Matteo Faggian

BOULDER
Tecnico: Christian Core, 
Team Manager / Accompagnatore: Franco Gianelli, 
Tecnico Aggiunto: Corrado Riva

SPEED
Tecnico: Donato Lella, 
Team Manager / Accompagnatore: Cristiano Fossali, 
Tecnico Aggiunto: Aldo Reggi

Queste figure professionali costituiranno, ognuno nelle sue specificità, un punto di riferimento per gli atleti e dovranno inoltre coordinarsi, in particolare nella fase preparatoria della stagione agonistica per definire le linee guida dell’attività e la tipologia di preparazione e di lavoro da svolgere. 
Altre figure professionali della Federazione potranno essere successivamente coinvolte per migliorare ulteriormente la preparazione degli atleti.
In particolare, a parte alcune trasferte impegnative dal punto di vista organizzativo ed economico, gli staff sopradescritti accompagneranno la relativa nazionale nelle selezioni, nei raduni e nelle competizioni.

2014: una stagione lunga ed impegnativa

E' ora di ricominciare una stagione, quella del 2014, che sarà impegnativa, sia per gli impegni di quest'anno (Campionati europei, di cui quello boulder ad Arco, Coppa Europa, Mondiale Giovanile, Olimpiadi Giovanili) sia per la preparazione dell'anno prossimo, con i Mondiali Giovanili di tutte le specialità ad Arco, evento che dovrà misurare la nostra e la vostra capacità di crescita.
Cercheremo di arrivare alle competizioni internazionali al massimo del potenziale attraverso un calendario di gare, raduni e prove di selezione; ecco il calendario degli appuntamenti della Nazionale Giovanile per la stagione 2014:

Aprile 6: Pero (MI) CIL gara di selezione per Giovanile

Aprile 13: Roma CIB gara di selezione Giovanile
Aprile 27: TBD Raduno Boulder Giovanile

Aprile 27: Torino Raduno Speed Giovanile

Maggio 11:  Cantalupa Selezione Giovanile Lead
Maggio 17-18: Milano Raduno Lead

Maggio 31 - Giugno 1: Imst (AUT) EYC L
Giugno 6: Campionato 
Giovanile Arco U16
Giugno 14-15: Edinburgh (GBR) EYCH L,S
Giugno 29: Campitello di Fassa Raduno Lead

Giugno 30: Bolzano Raduno Speed
Luglio 7: Imst (AUT) EYC S
Luglio 11: Chamonix (FRA) EYC S
Luglio 22-23: L’Argentiere (FRA) EYC B
Agosto 1-2: Arco Raduno Boulder Giovanile
Agosto 15-16: Langelfeld (AUT) EYC B
Settembre 1-2: Arco (ITA) Raduno Lead, Speed

Settembre 6-7: Arco (ITA) EYCH B
Settembre 20-24: 
Noumea (NCL) WYCH L,S

(cliccando su ogni evento si accede alla lista dei convocati)

Boulder
Lead
Speed

La partecipazione alle Coppe Italia di specialità e ai raduni è obbligatoria per chi vuole entrare nella nazionale giovanile.
Anche la gara di Campionato Italiano Giovanile di Arco avrà valore di Selezione per il Boulder, mentre per lead e speed dipenderà dai limiti di iscrizione previsti per il Campionato europeo di Edimburgo.

Le convocazioni e le modalità di partecipazione ai raduni saranno rese note in occasione delle stesse convocazioni, tenendo conto che la Federazione intende, nell'ottica degli obiettivi del prossimo biennio, privilegiare la scelta per ogni atleta di un'unica specialità, fatti salvi alcuni casi in ottica di "classifica combinata"; questa scelta sarà meno tassativa per la categoria Youth B (Under 16).

Le persone che seguiranno la nazionale giovanile sono Donato Lella, confermato Direttore Sportivo sia della giovanile che della Nazionale maggiore, Christian Core, allenatore della specialità Boulder e Franco Gianelli delegato dal Presidente e dal C.F. alla gestione federale della Nazionale Giovanile.

 

2013

 

Stefano Carnati e Ale Santoni Campioni del Mondo

Difficile aggiungere qualcosa alle tante parole che, giustamente, oggi celebrano il successo di questi due ragazzi. E' bello per tutti coloro che hanno respirato l'aria della Nazionale Giovanile, sapere di averli accompagnati nel loro percorso, senza la presunzione di avergli insegnato nulla, ma con la certezza di aver fatto tutto il possibile perché loro si esprimessero al massimo.

E oggi vederli sul podio più alto del mondo è un premio al loro talento, alla loro voglia di migliorarsi costantemente, e per noi una gioia che vogliamo ripetere ancora molte volte con i tanti talenti che fanno parte di questo gruppo.

Basta chiacchere, per chi non ha avuto modo di vederli, ecco il meglio...

Stefano, la finale

La Premiazione di Stefano

Ale, quarti di finale

Ale, semifinale

Ale, finale

La premiazione di Ale 

  

Italiani dominatori in Francia.

 

Vincere non è mai facile, ma confermarsi ai vertici è spesso un’impresa ancora più difficile: era questa la sfida che doveva affrontare la nazionale giovanile di boulder nella seconda prova di Coppa Europa disputata martedì scorso a L’Argentiere (F).

Gli ottimi risultati ottenuti a Sofia, sui quali poteva esistere qualche dubbio legato  alla partecipazione ridotta registrata nella tappa bulgara, erano da verificare  in una gara alla quale erano presenti oltre 160 atleti da tutta Europa, richiamati anche dal Master Internazionale in programma sempre a L’Argentiere nei giorni successivi.

In questo contesto impegnativo, gli atleti azzurri hanno offerto una prova decisamente convincente, al punto che il sito francese PlanetGrimpe è stato costretto a titolare (immaginiamo con un po’ di rabbia) “Gli italiani dominano la Coppa Europa boulder a L’Argentiere”.

Sei podi complessivi, equamente distribuiti fra oro, argento e bronzo, otto finalisti, dodici atleti nelle prime dieci posizioni della classifica sono il risultato numerico ottenuto da una squadra che comincia ad essere un importante riferimento per gli avversari.

Se possibile la situazione appare ancora più rosea guardando il risultato delle categorie più giovani: nella B femminile, Asja Gollo domina la seconda prova consecutiva (ancora tre blocchi flash in finale) e ipoteca la Coppa Europa, Martina Giorello in ottima forma chiude al secondo posto, con Alice Gianelli al decimo e l’esordiente Elisa Calabrese al ventunesimo. Asja, Martina e Alice occupano le prime tre posizioni nel ranking europeo di categoria. Fra i maschi, tre atleti in finale, con Stefano Carnati al terzo posto, Simone Tentori al quarto e Antonio Prampolini che trova una tracciatura poco adatta al suo stile e chiude sesto dopo essere stato secondo in qualifica; al suo esordio Enrico Capano coglie un bel dodicesimo posto. Anche qui Coppa Europa ipotecata per Stefano e terzetto italiano ai vertici europei.

Nella A femminile torna sul podio Annalisa De Marco, seconda, mentre Andrea Ebner chiude settima, fuori dalla finale per un solo tentativo; dodicesima Martina Zanetti, anche lei all’esordio internazionale nella specialità e tredicesima Giulia Alton, che soffre più di altri la temperatura torrida in cui si è disputata la gara. Annalisa e Andrea sono ancora pienamente in corsa per la vittoria nella classifica finale di Coppa.

La categoria A maschile è quella che ci vede soffrire maggiormente, con Lorenzo Carasio (settimo) anche lui fuori dalla finale per un solo tentativo, Lorenzo Malatesta quindicesimo mentre chiudono più indietro Manuel Schneider (21) e Francesco Profico (23).

Bene anche le nostre Junior con Federica Mingolla sempre più convincente, che conquista nuovamente la terza posizione, dopo essere stata seconda in qualifica e con Francesca Medici che chiude quattordicesima.

Dulcis in fundo gli Junior maschili con Michael Piccolruaz, che soffre in finale, ma strappa una vittoria importantissima per la classifica di Coppa; bene anche Marco Gozzi, al suo rientro in nazionale, che chiude ottavo, mentre è quattordicesimo Alessandro Palma e diciottesimo Andrea Botto.

Durante le premiazioni, nuovo derby italo francese, con due Marsigliesi e due Fratelli d’Italia: la classifica a squadre premia per pochi punti i francesi che si devono tuttavia accontentare di quattro medaglie contro le sei degli azzurri; l’Italia comincia ora ad essere veramente la squadra da battere e la sensazione non è niente male.

 

 

 

  

“Aujourd'hui, j'ai vu une grande équipe qui a fait une belle démonstration de l'amitié”

 

La squadra italiana giovanile di boulder si è presentata a L’Argentiere con il ruolo di protagonista, alla luce dei risultati ottenuti nella prima prova a Sofia, ma anche con la volontà di tutti gli atleti di ricordare un ragazzo con il quale condividevano una passione e un sogno.

I nostri ragazzi e le nostre ragazze hanno gareggiato con il nome di Tito sulla maglia per essere ancora una volta accomunati a lui dal desiderio di chiudere un blocco e sperando che il nostro giovane amico possa essersi divertito lassù nel cielo stringendo ancora una volta le prese, mentre rivolgeva lo sguardo verso il top.

Al momento della premiazione, un lungo applauso da parte dei climber di tutta Europa ha salutato quel giovane ragazzo piemontese che più di ogni altra cosa amava arrampicare e che ieri sembrava essere ancora insieme a noi.

E a conclusione di una giornata piena di emozioni, tutta la squadra azzurra si è ritrovata intorno al podio, ognuno con il nome di Tito sulla maglia e il dito ad indicare il cielo dove speriamo che sia nato un sorriso.

E il commento di un responsabile dello Staff organizzativo, “oggi ho visto una grande squadra che ha dato una bella dimostrazione di amicizia” in quel momento valeva per i nostri atleti più di una medaglia.

 

Chiude la Coppa Europa Giovanile Speed: l’Italia c’è

 

La Coppa Europa Giovanile Speed ha aperto la serie delle gare importanti gare di arrampicata organizzate in Francia in questo mese di Luglio; sono in corso in questi giorni i Campionati Europei Assoluti di Lead e Speed, una gara internazionale di Paraclimbing, poi seguiranno ancora la Coppa del Mondo Lead a Briançon e la Coppa Europa Giovanile Boulder a L’Argentiere: speriamo di essere presto in grado di organizzare anche in Italia una sequenza simile di eventi.

Veniamo comunque ai risultati dei nostri atleti in questa gara che chiudeva la Coppa Europa, dopo i precedenti appuntamenti di Edinburgo e Imst: tutti i migliori allineati alla partenza, per preparare sia gli eventi già citati, sia il Campionato Europeo Giovanile di Imst a fine mese; ovviamente si gareggia per vincere, ma intanto un occhio e qualche calcolo viene già fato anche relativamente alle classifiche finali.

Già dalle qualificazioni i tempi sono di tutto rilievo a dimostrazione di quanto questa specialità sia “giovane” e sono veramente tanti gli atleti pronti ad insidiare i senatori che si affrontano in Coppa del Mondo.

La partecipazione degli azzurri è numericamente importante, segnale del tentativo di creare una base ampia dalla quale far emergere poi i talenti: nella B femminile entra in finale col settimo tempo Asja Gollo, mentre Giulia Fossali è undicesima, Silvia Porta è quattordicesima e Erica Mattioli quindicesima. Nella A femminile Chiara Rogora fa valere la sua regolarità e entra in finale come quinta, mentre chiudono più indietro Martina Zanetti (10), Teresa Gallucci (11) e Giulia Gollo (12).Nella Junior femminili in gara solamente Ilaria Guidotti che chiude al quinto posto.

Fra i maschi B vanno in finale Prampolini (6), Zodda (7) e Martignene (8), che supera di soli tre centesimi Ingrami (9) a dimostrazione di una categoria molto vivace; nella A maschile la nostra punta di diamante, Alessandro Santoni, chiude la qualifica con il secondo tempo, mentre rimane fuori dalla finale Ludovico Fossali (11) seguito da Francesco Profico (13) e Luca Camanni (14). Fra gli Junior, ottima qualifica per Stanislao Zama, quinto; con lui in finale Alessandro Boulos (7), mentre Davide Buoso chiude dodicesimo.

Al di là del piazzamento, apprezzabile la diffusa e costante discesa dei tempi che fa ben sperare per la crescita del gruppo. Nelle finali invece diventa importante anche il controllo e la capacità di non commettere errori, dote che evidentemente accompagna l’esperienza; fra le ragazze Asja chiude ottava e Chiara sesta, mentre fra i ragazzi Gianluca è bravo ad approfittare di alcuni errori degli avversari e diventa così il primo semifinalista, con Antonio quinto e Paolo sesto; anche Ale Santoni è in semifinale e cosi pure Stani, con Alessandro Boulos che si deve accontentare dell’ottavo posto.

Le finali vanno in crescendo con Gianluca Zodda ai piedi del podio, obiettivo raggiunto invece da Stanislao che chiude terzo (una finale veramente da brividi, vinta per un solo centesimo) e da Alessandro che cede solamente quanto il russo si esprime con un tempo da livello assoluto (7:02).

Un argento e un bronzo sarebbero già sufficienti a dare stimolo ai nostri ragazzi, ma la classifica finale di Coppa è la ciliegina sulla torta: Stani si aggiudica il secondo posto e Ale vince la Coppa, dando a tutta la squadra la possibilità di stringersi intorno a lui sul podio.

 

 

I giovani azzurri trionfano alla Coppa Europa boulder di Sofia

 

Trionfare può sembrare un verbo eccessivo, ma riguardando le classifiche è proprio questa la sensazione che si ha: tre medaglie d’oro, un argento, due bronzi, dodici atleti su sedici in finale e la vittoria nella classifica a squadre sono la sintesi di uno splendido week end della squadra azzurra guidata da Christian Core.

Parlano subito italiano le classifiche dei più giovani: nella categoria Youth B femminile tutte le nostre atlete in finale con Asja Gollo che domina la gara fin dalle qualifiche, Alice Gianelli che chiude al quarto posto e Martina Giorello al quinto; non vogliono essere da meno i coetanei con Stefano Carnati a prendersi con pieno merito il gradino più alto del podio, uno strepitoso Antonio Prampolini che agguanta il secondo posto con uno spettacolare lancio a tempo scaduto, mentre completano il successo di squadra Simone Tentori che chiude al quinto posto e Janluca Kostner all’ottavo.

Nella Youth A femminile sono due le nostre ragazze in finale, con Andrea Ebner che torna sul podio con un bel terzo posto e Annalisa De Marco che chiude sesta, mentre Giulia Alton aveva chiuso le qualifiche all’undicesimo posto. Fra i ragazzi in questa categoria era impegnato solamente Matteo Mosconi che sfiora l’ingresso in finale chiudendo settimo.

Anche nella Junior femminile entrambe le nostre atlete raggiungono la finale, nella quale Federica Mingolla agguanta un meritatissimo terzo posto e Francesca Medici chiude al sesto. Fra i maschi due i finalisti con Michael Piccolruaz che domina la gara, mostrando una grande determinazione dal primo blocco di qualifica all’ultimo di finale, Andrea Botto che chiude al quinto posto, mentre Alessandro Palma coglie l’ottava posizione.

Suspense e calcolatrici in mano per la classifica a squadre che premia l’Italia per un punto sulla Germania: le premiazioni sono un crescendo di inni di Mameli cantati in maniera ogni volta più convinta da un bel gruppo di ragazzi che ha dimostrato in questa trasferta anche di sentirsi una squadra.

Il prossimo appuntamento ora è per L’Argentiere, dove i nostri ragazzi saranno chiamati al difficile compito di confermarsi: nessuna garanzia per i risultati, per l’impegno potete metterci la mano sul fuoco.

 

________________________________________________________________

Nel week-end dell’8 e 9 giugno, Edinburgo ha ospitato la prima tappa della Coppa Europa giovanile di difficoltà e velocità. La squadra azzurra, composta da tredici atleti, è ritornata con cinque medaglie, di cui due d’oro. Ecco il riassunto dei risultati.

Velocità, un oro e un bronzo.

Solamente quattro gli azzurri in gara, ma tutti ottengono risultati di rilievo: nella cat. A Femminile, Chiara Rogora ottiene un buon terzo posto, dopo la caduta in semifinale; Stanislao Zama, al suo esordio nella categoria Junior, esce nei quarti di finale e chiude al quinto posto, dopo aver fatto registrare il secondo miglior tempo in qualifica.

I migliori risultati vengono dalla cat. A maschile nella quale purtroppo i tempi di qualifica mettono di fronte nei quarti di finale Ludovico Fossali e Alessandro Santoni; la spunta quest’ultimo con Ludovico che fa il miglior tempo fra gli esclusi e ottiene così la quinta posizione. Alessandro da questo momento fa una gara perfetta aggiudicandosi semifinale e finale e agguantando così la medaglia d’oro.

Oro, argento e bronzo per i giovani azzurri nella difficoltà.

Tre ragazze in gara nella cat. B Femminile, con Eva Scroccaro e Lisa De Martini in finale e Ilaria Scolaris, all’esordio in Europa che sfiora il passaggio del turno e chiude undicesima. Nella finale Lisa chiude al decimo posto, mentre Eva lottando fino all’ultima presa conquista una meritatissima medaglia di bronzo.

Due invece i pari età maschili ed entrambi colgono la finale: Giorgio Bendazzoli, al suo esordio assoluto, chiude al settimo posto, mentre Stefano Carnati dimostra tutta la sua classe imponendosi nettamenteed aggiungendo questo oro all’argento conquistato due settimane fa nel boulder.

Non riesce invece ad entrare in finale Andrea Ebner che chiude al dodicesimo posto nella cat. A Femminile, mentre nella A Maschile passano le qualificazioni sia Federico Andreoli (settimo), che Lorenzo Carasio (nono); Federico chiude poi la gara undicesimo, mentre Lorenzo, qualificato all’ultimo posto utile per l’ingresso in finale, trova una grande prestazione che lo porta alla medaglia d’argento, a dimostrazione che la finale è sempre una gara a sé.

 
Camp. Italiani Giovanili
Campionati Italiani Giovanili
1/2/3/4-6-2017
9/10/11-6-2017
Calendario Formazione
Tracciatori
Nessun Corso in programma
Giudici
Nessun Corso in programma
Istruttori/Allenatori
21-10-2017
28-10-2017
11-11-2017
Aggiornamenti
Nessun Aggiornamento in programma
Foto Gallery